Nostalgia/2

25/11/2011

La definizione di “troika europea”, riferita al vertice a tre

di ieri, ha fatto scendere una lacrimuccia a Berlusconi.

Annunci

L’autorevolezza

24/10/2011

Venerdì da Mimmuzzo…

domenica a Bruxelles.


Bambina prodigio

20/10/2011

Nella serata di ieri, è nata la figlia di Nicolas Sarkozy

e Carla Bruni. La piccola è stata chiamata Dalia.

Pare che la piccina abbia già pronunciato la prima

parola. Infatti, non appena Sarkozy l’ha presa in

braccio, la piccola avrebbe detto: “grand-père!”

Update: in uno stringato comunicato apparso sul suo sito, Carla Bruni, nell’annunciare il lieto evento, ha precisato che la bimba si chiamerà Giulia (e non Dalia).


Crisi economica: brevi

11/10/2011

Sempre più solido l’asse franco-tedesco, con Sarkozy e la Merkel che, dopo il vertice bilaterale di domenica scorsa, rafforzano gli sforzi comuni per trainare l’Europa fuori dalla crisi, iniziando col dare ossigeno alle banche, sentendosi in dovere di farlo in quanto governano le due maggiori economie europee, appoggiati in questo da Obama, il quale dichiara di dare pieno sostegno all’azione congiunta di Parigi e Berlino, e telefona anche a Cameron sottolineando l’ineludibile necessità di un’azione decisa in grado di riportare la stabilità finanziaria nell’eurozona, essendo la ripresa economica del Vecchio continente condizione fondamentale per un rilancio anche di quella americana.

Berlusconi non lo caga nessuno.

Volano le Borse.


E’ la tua domanda definitiva? La accentiamo?

17/05/2011

Quanta pupù farà il bebè che Carlà darà a Sarkò?


Grande attesa per il vertice Italia-Francia

26/04/2011

Si terrà oggi a Roma il summit intergovernativo italo-francese. Silvio

Berlusconi e Nicolas Sarkozy, accompagnati dalle rispettivazioni

delegazioni, affronteranno svariati temi, primi fra tutti il problema

dei flussi migratori dal nord Africa e il caso Parmalat-Lactalis.

Visti i tempi serrati, Berlusconi si vedrà costretto a limitare

il numero delle barzellette. Comunque, secondo fonti vicine a Palazzo

Grazioli, il premier non intenderebbe rinunciare a quella sul

fornaio di origini maghrebine e la baguette rafferma,

e a quella sul tipo di burro preferito da Ségolène Royal.


L’Italia di Berlusconi? La solita barzelletta

29/03/2011

“C’erano un francese, un inglese, un americano, una tedesca…”